Giappone (parte 2): Tokyo

Albergo: hotel Gracery Shinjuku, tramite expedia, 9 notti. Davvero consigliato sia per la zona, sia per la colazione sia per la gentilezza dello staff.

Giorno 10: Shibuya e Shinjuku

Cominciamo la nostra seconda parte del viaggio raggiungendo con una passeggiata, il Meiji Jung, santuario shintoista all’interno del parco Yoyogi, nel quartiere di Shibuya, costruito in onore dell’imperatore Meiji e dell’imperatrice Shoken, sua sposa. Si trova immerso nel bosco e per raggiungere l’edificio principale, il Kaguraden, si attraversa l’imponente Torii in cipresso. L’atmosfera che si respira è di pace ed è davvero piacevole passare qualche ora in questi luoghi dove si respira spiritualità. Lasciamo questa oasi di pace per dirigerci nella decisamente caotica Takeshita Dori, in pieno quartiere Harajuku: un’esperienza da fare!!! Qui abbiamo il primo incontro con i cosplayer. Rimaniamo ancora stupiti dell’ordine in cui i giapponesi camminano… e cerchiamo di adeguarci! Attraversiamo tutta la via entrando ed uscendo dai vari negozietti, grazie al sonnellino pomeridiano della ninine. Proseguiamo poi attraverso un vialone alberato decisamente più elegante e meno affollato, Omotesando, dove facciamo un po’ di shopping e rimaniamo scioccati da Kiddyland, negozio di giocattoli spaziale! Alla fine raggiungiamo l’incrocio più trafficato al mondo in pieno centro a Shibuya. Fuori dalla stazione, in prossimità dell’incrocio si trova anche la statua di Hachicko! Passeggiamo nella zona e poi ci dirigiamo a Roppongi Hills alla ricerca di “The Ark”, la panchina progettata da Andrea Branzi, papà di La Pina. Facciamo un giro all’interno di questo quartiere/città del futuro per poi rientrare a cena nel nostro Hotel.

Giorno 11: Odaiba-TeamLab Planets Continua a leggere